Verso l’esame OAM: cos’è il credito al consumo e qual è il suo scopo

Il credito al consumo può essere definito come ” la concessione nell’esercizio di un’attività commerciale e professionale di credito sotto forma di dilazione di pagamento o di prestito a favore di una persona fisica che agisce per scopi estranei all’attività imprenditoriale o professionale”. 

Lo scopo è quello di tutelare il cliente sotto diversi profili, tra cui il diritto di recesso, la trasparenza sulla pubblicità relativa ai prodotti finanziari, il mutuo.

Un chiaro esempio di credito al consumo è la cessione di un quinto di stipendio.

In tema di pubblicità, è decisamente rilevante l’obbligo per gli intermediari di indicare, negli annunci pubblicitari contenenti il tasso di interesse, anche tutte le informazioni (TAEG, importo totale del credito, ecc) in modo da consentire ai consumatori di essere in possesso di tutti gli elementi necessari per una valutazione accurata della sostenibilità del finanziamento.

In parole povere, viene imposto un obbligo informativo a portata più ampia rispetto alla previgente disciplina sulla trasparenza bancaria.

Riguardo, invece, la verifica del merito creditizio, il finanziatore valuterà in base alla informazioni fornite dal consumatore e a quelle contenute nelle banche dati. Dall’altro lato il consumatore avrà diritto all’aggiornamento costante delle informazioni creditizie acquisite sul suo conto, a sapere quali fonti sono state utilizzate ed a ricevere immediatamente la comunicazione del rifiuto della domanda di credito, qualora scaturisca dalle risultanze di una banca dati.

I contatti di credito sono stilati su carta, oppure su un altro supporto durevole, e contengono in modo chiaro e conciso le informazioni e le condizioni stabilite dalla Banca d’Italia. Una copia del contratto viene consegnata al consumatore.

Uno degli aspetti da tenere in considerazione è il rafforzamento del diritto di recesso. Il consumatore, infatti, ha diritto di recedere dal finanziamento entro 14 giorni e nei contratti a tempo indeterminato in qualsiasi momento e senza oneri, ma con l’obbligo di comunicarlo con un preavviso di massimo un mese.

Il consumatore sarà tenuto a restituire il capitale e gli interessi maturati. Nel caso in cui il finanziatore dovesse risultare inadempiente, il consumatore potrà recedere e farsi rimborsare le rate già pagate.

Per saperne di più clicca qui

Share Post
Written by
No comments

LEAVE A COMMENT

https://www.footballapparelsproshop.com/Tennessee-63-Jersey 
Close
Please support the site
By clicking any of these buttons you help our site to get better